Mi chiamo Marcella Braga e sono un’attrice, modella e consulente di Comunicazione Digitale.

Nata a Verona ho vissuto per un lungo periodo a Roma. Tornata nella mia città natale ho continuato a lavorare come attrice e consulente, gestendo vita e lavoro tra Verona e Milano.


🎬 Cinema

Ho partecipato a numerosi cortometraggi tra cui ‘San Cosma. Il gioco del silenzio’ di Diego Loreggian e Alessandra Gonnella, ‘YouBorn’ di Michele Salvezza (DOP Gigi Martinucci), ‘Nella mia mente’ di Michele Pastrello, e lungometraggi, interpretando ruoli da protagonista, che hanno riscontrato un notevole successo di pubblico, in special modo sulle piattaforme digitali.

Tra i più noti ‘Dark Resurrection’ di Angelo Licata, ‘Exit. Una storia personale’ di Massimiliano (Max) Amato, con una breve apparizione in ‘Wrath of the Crows’ di Ivan Zuccon e ‘Canepazzo’ di David Petrucci.

Ho lavorato con Marco Rosson nel film ‘Shanda’s River’, che ha ottenuto numerosi ottimi riconoscimenti soprattutto all'estero ed è attualmente disponibile in streaming su Amazon Prime, e con Marco Ferrari nel docufilm ‘La Bufera | Cronache di Ordinaria Corruzione’ (‘Never Whistle Alone’).

Per la televisione ho partecipato alla docufiction di Rai 3Amore Criminale’, trasmissione che racconta storie di femminicidio attraverso ricostruzioni, testimonianze ed interviste.


📷 Pubblicità

Ho lavorato in ambito pubblicitario come attrice e modella per clienti come Nims Lavazza, Pam Panorama, Berner Spa, Rainbow MagicLand, Federtennis, Gaviscon, Blackberry.


💻 Comunicazione Digitale

Avendo maturato una lunga esperienza anche in campo ICT Information Communication Technology, offro consulenza e strumenti personalizzati finalizzati al Brand Marketing e al Personal Branding, per professionisti nell'industria dei Media e dell'Intrattenimento.

Poter partecipare a progetti che mi ispirano, con professionisti che stimo, è la cosa che amo di più del mio lavoro.

Vivere ogni nuova esperienza in modo presente, assaporando ogni momento, con la libertà di scegliere come esprimermi, superando i miei limiti e liberando l’energia creativa.

Più che la destinazione è il viaggio che conta, sempre.